"LE ACQUE DEL PRIMIERO"




 

Venerdì 26 maggio 2017 si è tenuta alle ore 17.00 presso la Sala Negrelli della Comunità di Valle una “Tavola Rotonda sulle qualità delle acque del Primiero”. Locandina H2O  



L’iniziativa, voluta dal Presidente del Lions Club “Primiero San Martino di Castrozza”, Roberto Nava, ha visto ben sette relatori argomentare per due ore con competenza sulle varie problematiche inerenti l’acqua potabile e non, con riferimenti sia alla salute che all’ambiente, suscitando vivo interesse tra i numerosi uditori.

 

  • Franco Guizzardi della Azienda servizi Sanitari di Trento ha presentato una esaustiva panoramica delle caratteristiche chimico-fisiche delle acque del Primiero, illustrando la legislazione sia nazionale che provinciale e le conseguenti azioni di controllo messe in atto dall’Azienda Sanitaria.

  • Debora Campigotto, della Azienda Ambiente di Primiero, ha illustrato azioni e metodologie messe in atto per garantire l’assoluta sicurezza delle acque potabili del Primiero.

  • Giovanni Simion ha parlato della sua personale esperienza degli anni ottanta nella gestione della Società Acque Minerali Idrea per la quale avevano manifestato vivo interesse importantissimi marchi del settore.

  • Paolo Colombini, concessionario della sorgente Fonte di San Martino (Val della Vecia), ha parlato delle qualità cosmetiche di tale acqua, certificate da approfonditi studi dell’Università di Padova.

  • Francesco Colaone, direttore della ACSM di Primiero, ha illustrato la derivazione delle acque a scopo idroelettrico soffermandosi sul supposto ma non reale impatto ambientale, trattandosi di mera dislocazione fisica delle acque senza conseguenze del trasporto in condotta e turbinazione sulle caratteristiche intrinseche dell’elemento.

  • Francesco Scalet, presidente della locale associazione pescatori di valle ha rivisto la storia delle derivazioni ad uso idroelettrico e delle relative conseguenze sulla fauna ittica del territorio, sensibili all’inizio, ma che si sono praticamente azzerate con il trascorrere degli anni come testimoniato dalla rinvigorita proliferazione di alcune specie di macro invertebrati autoctoni.

  • Particolare menzione per la nostra socia Lions Valeria Ghezzi, proprietaria degli impianti Tognola di San Martino di Castrozza e Presidente nazionale degli Impiantisti, che ha prodotto una interessantissima relazione sull’utilizzo dell’acqua per l’innevamento e sulle relative conseguenze ambientali, sgomberando il campo dai pregiudizi sulla produzione della neve artificiale i cui unici componenti sono acqua e aria.