SPETTACOLO TEATRALE PRO LCIF




 

A TEATRO CON LA COMPAGNIA “GLI IMPROBABILI”
Iniziativa della Zona C per raccogliere fondi pro LCIF 

I Lions Club della Zona C - CONCORDIA SAGITTARIA, LIGNANO SABBIADORO, MEDIO TAGLIAMENTO, MOTTA DI LIVENZA, PORTOGRUARO E SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO/BIBIONE - hanno organizzato per domenica 11 marzo, alle ore 17, presso il Teatro Odeon di Latisana uno spettacolo teatrale il cui ricavato verrà successivamente devoluto alla LCIF.



Ad esibirsi sarà la compagnia teatrale UTE “Gli improbabili” nella rappresentazione dal titolo “Sarto per Signora” di Georges Feydeau. La compagnia teatrale “GLI IMPROBABILI” di San Vito al Tagliamento, si è formata nel 2006 su iniziativa della locale Università della terza età ed è composta da dieci attori. Specializzata in commedie brillanti (Thornton Wilder, Georges Feydeau, Neil Simon tra gli autori più rappresentati) allestisce ogni anno un nuovo spettacolo con cui debutta tra il pubblico di San Vito e che successivamente porta in scena in altri teatri della Regione. L’adattamento dei testi proposti e la regia degli spettacoli della compagnia sono dal 2011 affidati a Claudio Moretti, noto attore friulano, tra i fondatori del “Teatro Incerto”. Scambi d’identità, sotterfugi, equivoci, amori segreti sono gli elementi base per questo divertente vaudeville. La commedia è ambientata a Parigi e narra del dottor Molineaux, fresco di matrimonio ma dai dubbi comportamenti coniugali. Il protagonista, infatti, avendo un animo libertino, tradisce la moglie con un’avvenente signora e, per poter incontrare la sua amante senza destare alcun sospetto, si finge sarto, creando così una serie di simpatiche ed esilaranti gag che coinvolgono tutti i protagonisti della pièce. Una comicità tipicamente di situazione amplificata dal virtuosismo tecnico dell’autore capace di assommare colpi di scena comici ed equivoci.

“Sarà sicuramente uno spettacolo divertente – sottolinea Lino Roncali, presidente della Zona C – e sono particolarmente felice che tutti i club abbiano aderito con unanime entusiasmo a questa iniziativa che noi tutti ci auguriamo possa raccogliere la più ampia partecipazione, ovviamente non solo da parte dei soci con le loro famiglie ma anche da non soci che potranno, con la loro presenza, contribuire, attraverso una libera offerta, a raccogliere fondi che saranno destinati alla nostra Fondazione “.